Chi sono?

Text
Text


Virdzine (Vergini Giurate)


Il fenomeno delle cosidette “Virdzine ” o letteralmente “Vergini Giurate” ha come principio cardine la volontà di vedere un uomo alla guida del nucleo familiare inteso più come una società da gestire che come luogo di affetti.
Da sempre, le società provenienti dai Balcani siano esse costituite da piccoli gruppi di persone o da moltitudini, hanno visto il predominio della politica fallocentrica che relega la donna a ruoli marginali, talvolta umilianti, quale quello di mera “fattrice”.
In tal contesto, risulta quindi del tutto inaccettabile secondo i criteri sociali che una donna possa assumersi a ruolo guida di una famiglia. Come fare dunque di fronte a una prole di sole donne? A chi lasciare la gestione del nucleo familiare?

La risposta arriva dalle Virdzine: donne la cui sessualità veniva sradicata e trans-formata ovvero traslata in qualcosa di nuovo, un terzo genere.
Questo processo di trans-formazione è alquanto complesso e può essere articolato in tre momenti chiave: negazione, occultamento e trasformazione. Nella prima fase si assiste, come da denominazione, alla negazione della sessualità della donna imponendole abiti e abitudini maschili, nella fase di occultamento, si nascondono le caratteristiche tipiche del soggetto femminile quali i seni che vengono a essere fasciati, infine nella fase di trasformazione, si rende consuetudine il processo iniziato nella fasi precedenti.

La risultante è come detto in precedenza, un terzo genere che possiamo definire trans-gender in quanto risultante di trasformazioni atte a modificare la natura stessa dell’individuo di partenza.
Fulcro di questo processo è l’abito che diventa quasi una sorta di velo di maya che da un lato inganna l’osservatore, dall’altro rende visibile solo ciò che deve essere visto dagli occhi. Attore e agente, l’abito compie il rito di trans-formazione e ci presenta l’individuo nella sua veste ufficiale, in quei panni che vestirà per il resto della sua vita.

Il progetto ha come scopo l’analisi del fenomeno delle “Vergini Giurate” secondo il profilo antropologico e artistico. Mediante la realizzazione di una mostra in cui si vedrà l’utilizzo di vari mezzi espressivi sia figurativi che tradizionali, si inviterà gli spettatori a riflettere sul tema dell’identità analizzato nello specifico attraverso il concetto di trans-gender. Partendo dall’analisi antropologica del soggetto proposto attraverso il materiale esibito, il tema dell’identità verrà presentato nella sua natura effimera e instabile in relazione all’abito che assumerà un ruolo chiave nella definizione, o meglio ri-definizione, dei soggetti proposti.